Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2015-03-09
Papa Francesco con Comunione e Liberazione

Il vento e il mandorlo

“Cristo è come il fiore del mandorlo: è quello che fiorisce per primo, e annuncia la primavera.” Nei giorni che seguono l’udienza di papa Francesco con la Fraternità di Comunione e Liberazione vediamo placarsi il vento che volava su piazza S.Pietro, e fiorire i mandorli nei giardini. Le parole del Papa descrivono per immagini la realtà. Cristo è all’inizio di tutta la fioritura che si espande nell’abbraccio dell’affollatissima piazza e che si comunica alle donne dell’Africa, alla Russia di filosofi e studenti, al freddo infinito del Kazakistan, all’ex arcivescovo anglicano di Canterbury, ai carcerati di Padova, agli amici dell’America, Brasile e Paraguay e alle nostre piccole o grandi comunità di paese o di città. Una giovane donna originaria della diocesi di Chioggia s’è portata a Roma i due bambini piccoli e il marito malato di Sla; quando ho saputo della sua presenza sono rimasto esterrefatto: “Una giornata di grazia. Grazia su grazia”, lei scrive.
Quando dagli schermi gigante viene riprodotto un video in cui don Giussani racconta dell’apostolo Andrea che dopo il primo incontro con Gesù torna a casa, un silenzio di commozione attraversa la piazza che partecipa all’ascolto e ai canti. L’incontro con ‘il falegname di Nazaret’ continua ad accadere. Dopo il saluto di don Julián Carron presidente della Fraternità di CL, il Papa si alza dalla sedia e gli muove incontro per abbracciarlo. Francesco ha parole e gesti come uno che ama e vede lontano. Nel discorso ricorda che ad ogni suo ritorno a Roma si fermava a lungo nella Chiesa di San Luigi dei Francesi davanti a ‘La vocazione di Matteo’ di Caravaggio.
Alla fine dell’udienza, don Carrón dice: "Oggi in piazza san Pietro noi abbiamo vissuto di nuovo l’esperienza dell’incontro con Cristo. Lo abbiamo visto primerear davanti ai nostri occhi attraverso la persona e lo sguardo di papa Francesco. Lo stesso sguardo che duemila anni fa ha conquistato Matteo, ma oggi!". Questo è il ‘cristianesimo elementare’ che don Giussani proponeva ai primi giovani e a tante persone di ogni ambiente: Gesù presente qui ed ora, che cambia il destino di ciascun uomo e di tutta la storia. Un respiro di vita.
Nel gioioso vibrare di piazza San Pietro risplende quello che abbiamo vissuto e amato e viviamo e amiamo, le energie consumate e i doni ricevuti, la bellezza di una vita riempita di lavoro e di speranza, di fatica e di tenerezza, di persone da amare e da accompagnare, di strada da percorrere e di perdono e passione. Da dove rinasce il cristianesimo, se non dal ‘centro che è uno solo, è Gesù Cristo'? E’ verso Cristo che occorre sempre ‘decentrarsi’. L’esperienza di Lui, presente e vivo, consente di non chiuderci in un 'museo di ricordi' e di 'tenere vivo il fuoco e non adorare le ceneri'. Una grazia in movimento e un compito per la vita. Matteo, dopo aver incontrato Gesù, lo ha invitato a casa sua e ha chiamato gli amici. Una persona cambiata cambia il mondo, nel gesto della carità più vera e grande che è la convocazione attorno al Signore.
Don Angelo


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2019 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it