Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2015-04-29
Ogni giorno

LA VOCAZIONE DEL MATTINO

Da dove comincia – ogni giorno – la vita? Il giorno si sveglia col suo programma, la buona volontà, i propositi, gli impegni, gli imprevisti. Basterà cominciare dallo slancio che scuote la pigrizia e dalla serie dei doveri che premono? Basterà cominciare da se stessi e dal treno di cose che scorrono uguali o sorprendenti sul binario delle ore?
Occorre piuttosto cominciare dalla vocazione. Non solo dalla vocazione originaria che ci costituisce e ci ha posto in essere: la vocazione alla vita e di seguito la vocazione specifica di ciascuna persona al matrimonio, o al sacerdozio o a un’altra strada. La vocazione è un sole che rispunta all’orizzonte di ogni giornata. “Il Signore è qui e ti chiama”, dice il Vangelo a Maria affranta per la morte del fratello Lazzaro.
I cristiani iniziano la giornata con il segno di croce e le preghiere che seguono. Iniziano con le Lodi, come i monaci nei monasteri, i canonici nelle cattedrali, gli sposi nelle case, gruppetti di amici adulti o studenti nelle chiese. La chiamata del Signore risuona nella campanella del chiostro e nelle campane della Chiesa, o attraverso l’invito discreto di chi ci vive accanto. Si ricomincia non appena con un proposito di buona volontà, ma come risposta a una chiamata. Non ce la faresti ogni mattina ad alzarti per immergerti in un groviglio di carte, o per andare a sbattere davanti alla faccia di tante persone, o per incamminarti nel vuoto di incombenze che non ti corrispondono.
Certo c’è anche tutta l’attrattiva del lavoro che piace, delle persone che allietano, del sole che splende, del vivere che affascina… Ma quando entra in gioco la voce di Uno che ti chiama e ti guarda e ti cammina a fianco e ti volti a guardarlo, allora ti alzi e cammini. Allora ogni giorno si intraprende quell’esodo da se stessi che porta a perdere la propria anima e a ritrovarla con il frutto del cento per uno.
Lo ricorda Papa Francesco nel Messaggio per la giornata delle Vocazioni, parlando di Abramo, di Mosé e di tutti coloro che sono stati chiamati. E’ una storia che continua nelle persone chi si incamminano liete nella giornata incontro allo sposo. La vocazione ci mette dentro un grande popolo, ci dona una grande compagnia e una strada certa, che permane anche quando uno sbanda; la vocazione apre al mondo.
Lo sperimentiamo di persona, presi dalla grazia di una chiamata che si alza puntuale con noi ogni mattina.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2019 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it