Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2015-05-24
Dopo la Veglia di PENTECOSTE per i cristiani perseguitati


GRAZIE, FRATELLI

“Avevamo una casa dove ci trovavamo a giocare, e qui non c’è. Ma grazie a Dio, Dio si preoccupa di noi”. Miryam, una ragazzina di 10 anni originaria di Qaraqoush, villaggio nel nord dell'Iraq da cui sono fuggiti decine di migliaia di cristiani iracheni, ora vive in un campo profughi dopo che la sua terra è stata assalita e devastata dai jihadisti del Califfato. In un video viene intervistata da un giornalista della tv satellitare cristiana Sat7 che opera in Medio Oriente. Racconta della mamma, dell’amica e parla dell’amore di Dio: "Sono molto triste perché ci hanno costretto a lasciare la nostra casa. Ma Dio ci ama e non ha permesso che l'Isis ci uccidesse". La sua testimonianza, di una bellezza immensa, avvolge il cuore. Alla fine il giornalista la invita a fare un canto. Myriam canta: “Che gioia il giorno in cui ho creduto in Cristo. La mia gioia era completa all’alba e la mia voce cantava di gratitudine; il mio amore per il mio Creatore crescerà di giorno in giorno…”.
E’ sorprendente per noi ascoltare questa ragazzina quasi alla vigilia della celebrazione del Sacramento della Cresima, ragazzi e genitori e padrini insieme, in un silenzio attento e partecipe. Al di là di tutte le nostre accorate esortazioni e dei buoni propositi della vigilia, resteranno impressi il sorriso e la voce di questa bambina, paragone cocente dentro la nostra anima per il presente e per il futuro. Rimarrà come giudizio e come misericordia, nuova possibilità di ripresa dentro le stanchezze e le incoerenze che ci afflosciano l’anima.
E’ accaduto così riconoscendo il sussurro dei cristiani copti decapitati sulla riva del mare, che consegnavano la vita a Cristo; per l’immagine dell’altra bambina inginocchiata davanti all’altare diroccato, o del cristiano che accarezza il mosaico con il volto nuovamente insanguinato di Gesù. La storia che viviamo è il luogo in cui la Sindone del Cristo morto e risorto diventa viva di carne e di sangue, palpita di bellezza e amore.
Per che cosa vale la pena vivere? Lo sentiamo raccontare nelle testimonianze dei nostri fratelli martiri nella Veglia di Pentecoste. Le parole che ascoltiamo, tutte le storie che i lettori scandiscono diventano una Eucaristia nella quale lo Spirito Santo glorifica il nome di Cristo e porta a compimento quello che manca alla sua passione.
La fede cristiana è vita e speranza anche nella tribolazione, è gioia appassionata di essere di Cristo, e addirittura di essere Cristo che muore e risorge. Vale la pena vivere per Colui per il quale vale la pena morire.
Don Angelo


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it