Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2015-09-13
Domenica, 13 Settembre 2015 - XXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO
Introduzione del Celebrante
Cristo ci chiama a seguirlo. Domandiamo la sua grazia, insieme con tanti cristiani che camminano con noi.
1.    Signore Gesù, dona a noi e a tutte le nostre famiglie la fede di Pietro, per accoglierti come Messia crocifisso e risorto, nostro Dio e Salvatore,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE
 
2.    Per quanti condividono la tua passione e la tua croce nella sofferenza e nella malattia: trovino in te vita e gioia,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE
3.    Alla ripresa della  scuola e della vita normale, ti affidiamo o Signore tutte le famiglie e i ragazzi; la diocesi, i sacerdoti, i consacrati, la parrocchia. Donaci il vigore della fede, l’unità della carità, la speranza della vita,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE
4.    Vicini alla festa della esaltazione della Croce e della Madonna Addolorata preghiamo per i cristiani perseguitati. Fa o Signore che i cuori e le case si aprano all’accoglienza dei migranti,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE
 
Conclusione del Celebrante:
Padre, che ci hai donato il Figlio tuo crocifisso e risorto, donaci di seguirlo nella fede e nella carità, per avere la vita. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli. Amen.
 
Spunto della domenica
L’evangelista Marco ci conduce alla domanda centrale: Chi è quest’uomo Gesù? La risposta di Pietro è quella della Chiesa e la nostra: Quest’uomo è  il Cristo, cioè il Messia promesso. Significa che è Lui a salvarci dal nostro male e a rispondere alle esigenze più profonde del nostro cuore.
Quale il volto di questo Messia? In quale modo ci salva? E il Crocifisso ed è il Risorto. Lo seguiamo sulla sua strada con la fedeltà alla nostra vocazione, accogliendo la fatica e la gioia di ogni giorno dentro le circostanze concrete. Stando con Lui, dando tutto per Lui, si riceve tutto: “Chi perde la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salva”. Alla fine lo ha sperimentato e capito anche Pietro.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it