Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2016-04-03
Domenica della Misericordia
LA PASQUA RIDESTATA

Al sepolcro di Gesù, gli Angeli erano due o uno? Il mattino di Pasqua, le donne accorse erano una o tre? Gli apostoli nel cenacolo, dieci o undici? Non basta raccontare i fatti di Pasqua. Occorre vederli, immaginarli, riprodurli. Nei giorni che seguono la Pasqua, con i ragazzi viene facile: un’immediata fantasia permette di immaginare e impersonare gli avvenimenti, trasportandoci con agilità presso il sepolcro o sul lago, sulla via di Emmaus o nel cenacolo. I ragazzi sono la Maddalena, gli Angeli, Tommaso, Pietro; sono il sepolcro e la corsa, sono il vento e le vele. Il Vangelo diventa vivo nei volti e nelle mosse. Il Vangelo si ridesta nelle persone.
Metti la liturgia celebrata e vissuta. Puoi avere una celebrazione ben eseguita, ma imbalsamata nei ruoli. Lo sguardo si accende e il cuore diventa partecipe quando una comunità si raduna nella fede; allora ‘la Presenza’appare manifesta. Accade con vivacità il Giovedì Santo nella lavanda dei piedi agli Apostoli - e ora anche alle Apostole - e all’offertorio con la gente che si reca all’altare deponendo viveri o denaro. Una grande Via Crucis all’inizio della Settimana Santa e un’altra al Venerdì Santo conducono ai piedi del Crocifisso: il silenzio e le parole, il canto e il gesto non agiscono in una finzione teatrale, ma risvegliano l’affetto verso il Signore. Nella notte del Sabato Santo, la Veglia nasce dal buio e si accende nel fuoco con il cero brillante e il canto del ‘Lumen Christi’. Una Pasqua accompagnata dai canti della grande tradizione cristiana e della ricca inventiva moderna spalanca le porte del Mistero. La comunità cristiana rivive nel gesto liturgico, commossa per la Presenza riconosciuta; l’amicizia delle persone che si incontrano e cantano, ritrova il fondamento. Allora anche una liturgia povera, o una comunità piccola, o una messa concelebrata, o un canto non esaltante, portano a riconoscere Colui che vive tra noi. Camminiamo con quanti ci sono vicini, con quanti hanno partecipato da secoli al gesto della Chiesa, con quanti vivono oggi nella carne la Passione di Cristo e la sua Gloria: i fratelli perseguitati e uccisi, gli esiliati rifiutati alle frontiere, i preti poveri e soli; e insieme il Papa e i vescovi e tutte le comunità, note e ignote. Noi, guardàti con misericordia, apriamo il cuore e le mani al mondo.
La prima esperienza della resurrezione è stata la misericordia. Le donne non vengono lasciate nel loro dolore; Cristo le avvicina, non aspetta un secondo per incontrare Maddalena ma la lancia verso gli apostoli, perché desidera incontrare anche loro e dire che li salva e li perdona. Cristo prepara da mangiare sul lago e chiede a Pietro: “Mi ami tu?". Quale affetto, quale amore per essi e per noi. Cristo risorto non appare in modo maestoso, ma mostrando le piaghe: riconosciuto non per i miracoli, ma per la potenza della misericordia. Gridiamo al mondo la misericordia, come ha chiesto Gesù alla Kowalska. Questa è la resurrezione per gli uomini d’oggi: una misericordia potente e discreta. Senza la sua misericordia non si vive. L’abbraccio di misericordia ci raduna, Gesù mostra le piaghe e cammina con noi. La Pasqua della misericordia percorre le strade della vita, l’aria nuova entra nei polmoni come un vento di primavera sulla spiaggia.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it