Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2016-11-06
Domenica 32.a durante l’anno C
6 Novembre 2016


Introduzione del celebrante
Riuniti nella grande assemblea della Chiesa, ci rivolgiamo a Te, Dio della vita, con la fiducia dei figli amati.

1. Dio dei viventi, a te ci affidiamo per il tempo e per l’eternità; conserva coloro che hai creato, dona una vita buona per il presente e per l’eternità. Ti preghiamo per i fratelli colpiti dal terremoto,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

2. Ti affidiamo o Signore quanti ci hanno educato alla fede come la Madre dei fratelli Maccabèi e hanno concluso il cammino terreno, genitori, educatori, sacerdoti: dona ad essi la risurrezione per la vita,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

3. Ti affidiamo o Signore i cristiani perseguitati e uccisi in Iraq e in altre parti del mondo, come i fratelli Maccabèi. Concedi libertà e pace ai cristiani e a tutti gli uomini,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

4. O Signore, verso la conclusione del Giubileo della Misericordia, ti preghiamo per i ragazzi delle nostre comunità e del mondo intero. Donaci di accompagnarli a crescere nella verità e nella fraternità,
Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

Conclusione del celebrante
O Dio, fonte di vita e di speranza, accogli la nostra preghiera per noi e per i nostri fratelli, affinché si realizzi il destino di felicità al quale ci hai chiamati.

Spunto della domenica
La preghiera per i defunti continua in questo Mese di Novembre anche con le letture della Domenica. L’ironia saccente dei sadducei li porta a fare a Gesù una domanda furba. Si aprono questioni importanti: sopravvivenza dell’anima, risurrezione dei morti, destino eterno dell’uomo. Gesù dà una bellissima risposta: il nostro Dio è il Dio dei vivi, e tutti vivono per lui. Gesù stesso che risorge da morte ne è la conferma e l’anticipo. La nostra curiosità circa il modo in cui si vive dopo questa vita non viene soddisfatta. Sappiamo però che Dio ci fa vivere anche dopo che si è conclusa la nostra esistenza terrena e alla fine dei tempi fa risorgere il nostro corpo per la nostra felicità totale. Questa prospettiva ci fa desiderare di vivere ‘bene’ anche la vita terrena.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it