Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2017-11-05
5 novembre 2017 - Domenica XXXI anno A

Vangelo secondo Matteo 23,1-12
In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

IN CERCA del PADRE
Il Vangelo ci provoca a non farci chiamare padre o maestro. Eppure, di padri e maestri abbiamo bisogno. Non possiamo costruirci da soli le strade per le quali camminare, né da soli indovinare la direzione da prendere. La maturità non consiste in uno spoglio individualismo. La maturità è relazione e figliolanza, è amicizia e compagnia. Dove trovare dunque un padre e un maestro, una guida e un sostegno? Lo troviamo in chi a sua volta riconosce un padre e segue un maestro. Percorrendo questa trafila, arriviamo all’unico vero Maestro, autore e protagonista del Vangelo: Gesù guardava e seguiva il Padre che sta nei cieli. La libertà si realizza nell’appartenenza e nella sequela. E’ una grazia sperimentare l’affetto, l’aiuto, la guida, la dolce autorità del padre e del maestro. San Paolo scrivendo agli abitanti di Tessalonica, dice di essersi comportato come ‘una madre che ha cura dei suoi figli’. Il top è guardare e seguire chi guarda e segue Cristo.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it