Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2018-01-27
Sabato 27 gennaio 2018 Sant’Angela Merici 1474-1540, vergine mistica

Vangelo secondo Marco 4,35-41
In quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?». Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?». E furono presi da grande timore e si dicevano l’un E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».

COSI’ COM’ERA
Il Vangelo, quello di Marco in particolare, usa espressioni che mostrano il testimone oculare in presa diretta con l’avvenimento raccontato. I discepoli sottraggono Gesù alla folla e lo tirano in barca ‘così com’era’: non certo in abbigliamento da pescatore. Gesù, stanchissimo, subito si addormenta e dorme così sodo da non accorgersi della tempesta e delle onde che si rovesciano nella barca. Qui avviene l’affidamento dei discepoli con una stupefatta meraviglia di fronte al miracolo. Fatti così non si inventano.


Indietro
     © 2021 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it