Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2018-02-11
VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO, Ciclo B
Giornata del malato
 
Introduzione del celebrante
Insieme con tutti coloro che si avvicinano a Gesù ci uniamo al grido del lebbroso e gli affidiamo le nostre invocazioni.

1. Signore Gesù, come il lebbroso del Vangelo ti domandiamo: “Se vuoi, puoi guarirci”. Donaci di sperimentare oggi la salvezza che viene da te,
         Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

2. Signore Gesù, affidiamo a te Papa Francesco, il nostro vescovo, i sacerdoti e quanti si dedicano a te nel servizio del tuo popolo. Donaci nuove vocazioni sacerdotali e religiose,
         Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

3. Signore Gesù, nella memoria della Beata vergine di Lourdes, ti preghiamo per quanti sono colpiti da malattie, calamità e sofferenze; sostieni i familiari e quanti si dedicano al servizio dei fratelli negli ospedali e nelle case,
         Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

4. Come dice l’Apostolo Paolo: “Sia che mangiamo sia che beviamo, sia che facciamo qualsiasi altra cosa, fa o Signore che tutto sia per la tua gloria, senza cercare il nostro utile ma quello di molti, perché giungano alla salvezza”,
         Noi ti preghiamo: ASCOLTACI O SIGNORE

Conclusione del celebrante:
O Signore, sostieni il nostro cammino di uomini donaci speranza di vita e vigore di fede. Tu che vivi e regni.

Spunto della domenica
La mano di Gesù tocca il lebbroso. E’ l’anticipo di ogni ‘bacio al lebbroso’ che la storia racconta, è la via aperta perché altre persone arrivino a chinarsi sull’altro, come San Francesco, Madre Teresa, Padre Damiano, Roul Follereau e tutti coloro che curano e abbracciano i fratelli, fino a Padre Aldo del Paraguay. Con la grazia di Gesù possiamo cominciare a guardare come Lui guarda coloro che noi stessi trattiamo come lebbrosi. Gesù, nostro contemporaneo, ci guarda e ci risana, ci accompagna e ci sostiene.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it