Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2018-03-31
LA CORSA DI PASQUA

A Pasqua tutti corrono. Non come a Natale, quando si indugia in adorazione davanti al Bambino. La nascita di Gesù rende più grande lo stupore per l'impossibile che accade. Anche le vacanze natalizie planano sul sedentario, cullate da pastori e pecore, sul ritmo cadenzato dei cammelli dei Magi. Pasqua arriva ogni anno di corsa, dopo una Quaresima che pare appena iniziata e subito giunge al calvario e al sepolcro vuoto, tra lo sventolio dei venti di bora e lo scrosciare delle piogge di marzo. Corre la Maddalena dal sepolcro al Cenacolo per avvisare della cosa nuova che sta accadendo; corrono Giovanni e Pietro a vedere chi e cosa c’è dentro il sepolcro; corrono indietro i discepoli la sera dello stesso giorno, dopo aver riconosciuto Gesù nello spezzare il pane.
Anche Gesù corre a Pasqua. Alla nascita stava fermo nella mangiatoia del presepio. E’ Lui a correre subito verso la Maddalena, precede e insegue gli apostoli prima di correre in cielo dal Padre suo. Ha continuato a correre in ogni luogo del mondo e morendo e risorgendo nelle celebrazioni eucaristiche. Dopo Pasqua comincia la corsa di apostoli e discepoli in fuga da Gerusalemme a causa delle persecuzioni, o negli audaci viaggi missionari, per mare e per terra, sulle navi e lungo le strade romane.
S’è fermata la corsa di Pasqua? A Pasqua corriamo dai parenti in campagna o dagli amici a Parigi, nelle ‘città d’arte’ o sulla neve delle ultime sciate. La corsa ha preso strade diverse, dietro altri interessi e attrattive, spegnendo l’annuncio di quel mattino a Gerusalemme?
Il mondo si è spalancato ai quattro punti cardinali. Dalla Palestina alla Grecia, da Roma ad nord Europa, dall’ovest del continente americano al sud dell’Africa e allo stillicidio dell’immensa Asia, le strade di Pasqua si aprono per direzioni che si intersecano: dall’Africa all’Italia, dall’Argentina al Vaticano, da Chioggia alla Papua Guinea e al Burundi, dall’Indonesia a Chioggia,. I viaggi dei missionari non percorrono ormai più le rotte dei navigatori o non intercettano i pericoli degli esploratori. Attraversano città con palazzoni a sghimbescio e immensi centri commerciali, luoghi di cultura e periferie, rotte di migranti e campi di profughi, territori desolati di guerra o afflitti da violenze e schiavitù.
L’annuncio della Pasqua penetra nel mondo delle nuove tecnologie, attraversa il silenzio che isola da tutti e con tutti mette in relazione. Le nuove vie del Vangelo corrono via internet e whattsapp e streaming e ridestano il mattino con lampi di luce, accendono desideri sopiti e suscitano speranze. Corre l’annuncio della Pasqua tra vicini di casa e di lavoro, amici e parenti, chiamandoci nuovamente per nome e aprendo alla missione. Soffia con nuovi venti lo Spirito del Risorto, sgretolando antiche strutture e aprendo varchi insperati nel cuore degli uomini.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it