Home    |   Contatti                        
Home Page   |   La Cattedrale   |   Visita virtuale   |   L'organo   |   Consiglio Pastorale Parrocchiale   |   Galleria Foto   |   Dove siamo  

 

2018-08-26
Domenica 26 Agosto 2018 XXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)
+ Semplice e grandioso il discorso del Papa ieri con le famiglie in Irlanda. Si può leggere come un vademecum che aiuta a vivere le famiglie. Lo trovi in
www.vatican.va
+ Oggi alla Messa preghiamo per la tua famiglia e per tutte le famiglie.
Vangelo secondo Giovanni 6,60-69

In quel tempo, molti dei discepoli di Gesù, dopo aver ascoltato, dissero: «Questa parola è dura! Chi può ascoltarla?».
Gesù, sapendo dentro di sé che i suoi discepoli mormoravano riguardo a questo, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che io vi ho detto sono spirito e sono vita. Ma tra voi vi sono alcuni che non credono».
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E diceva: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre».
Da quel momento molti dei suoi discepoli tornarono indietro e non andavano più con lui.
Disse allora Gesù ai Dodici: «Volete andarvene anche voi?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna e noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

DA CHI ANDREMO?

Arriva il momento in cui bisogna decidere. Decidere di sposarsi - come si usava un tempo -; decidere una scelta di vita, di lavoro, di posizione umana. Ciascuno ricorda tempi, momenti, decisioni che hanno determinato il corso della sua vita. La decisione - assai spesso - non avviene appena di fronte alla propria anima, ma spunta per la provocazione di un interlocutore autorevole. Così avviene in questo Vangelo. Gli apostoli, insieme con la gente che era andata a cercare Gesù dopo la moltiplicazione dei pani, avevano ascoltato parole 'di vita eterna', parole 'in vetta', che era impossibile capire all'istante. Era necessario fidarsi di Gesù e continuare a stare con Lui fino al momento in cui sarebbe stato possibile vedere realizzata la sua promessa. Pietro fa il salto. Parlando al plurale e quindi anche a nome dei suoi amici, Pietro accoglie Gesù e gli consegna la sua decisione e il suo cuore e la decisione e il cuore degli amici. A suo tempo potranno sperimentare nei fatti che non c'è niente di meglio nella vita.


Indietro

LA TRAVERSATA

la vita non è una traversata solitaria…

     © 2018 Cattedrale Santa Maria Assunta di Chioggia - Comunità parrocchiale della Cattedrale - Rione Duomo, 77 - 30015 Chioggia - www.cattedralechioggia.it